NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Capitolo 04: 'Hello World': la nostra prima Midlet.

 

E' finalmente giunta l'ora di scrivere il codice per la nostra MIDlet !

Apriamo il nostro editor di testo o IDE e creiamo un nuovo documento vuoto, chiamandolo "HelloWorldMain.java" (dal nome della classe principale del nostro progetto, come descritto nel capitolo precedente, ricordate ?).

 

Ricopiate la porzione di codice seguente all'interno del documento e salvatelo (nella sottocartella src del vostro progetto, creata automaticamente dal WTK):

import javax.microedition.midlet.*;
import javax.microedition.lcdui.*;


public class HelloWorldMain extends MIDlet
{
public HelloWorldMain()
{
}

protected void startApp()
{
System.out.println("Prima MIDlet J2ME !");
}

protected void pauseApp() { }

protected void destroyApp(boolean arg0)
{
notifyDestroyed();
}
}

 

Da notare gli import indipensabili (lcdui e midlet), il fatto che la classe principale debba estendere MIDlet e la presenza, oltre al costruttore (anche vuoto, come in questo caso), dei tre metodi "di base": startApp, pauseApp e destroyApp.

 

 

A questo punto, il progetto - che consiste solo in un file sorgente - può essere compilato: spostiamoci nella finestra del Wireless Toolkit e clicchiamo su BUILD, nella barra degli strumenti in alto. La compilazione dovrebbe andare a termine senza problemi. Nella cartella "classes" del vostro progetto dovrebbe essere presente il file "HelloWorldMain.class", generato dal compilatore del WTK.

 

Sempre nel WTK, cliccate sul pulsante "RUN" nella barra degli strumenti, proprio accanto a BUILD, per eseguire la MIDlet.

A video comparirà una nuova finestra contenente l'immagine di un telefono cellulare (vd. immagine sotto): si tratta dell'interfaccia dell'emulatore del WTK, che vi permette di testare le vostre MIDlet localmente in un 'ambiente' che riproduce, per aspetto e funzionalità, un telefono cellulare (potete provare anche cover diverse, scegliendo tra le voci della combo "Device" nella barra degli strumenti in alto).

 

 

Nel display di questo particolare telefonino potrete leggere, in alto, il nome della MIDlet, mentre in basso a destra sarà presente la scritta "Launch": in pratica, l'emulatore vi sta dicendo quali MIDlet sono presenti sul... dispositivo !

Cliccate col mouse sul pulsante posto sotto la scritta 'Launch', proprio come fareste sul vostro cellulare. Nella schermata dell'emulatore non accadrà nulla, ma nella finestra principale del WTK comparirà una nuova scritta:

"Prima MIDlet J2ME !"

Si tratta della scritta impostata nel codice sorgente, da stampare col System.out.println ... in effetti, ancora non conosciamo classi e metodi necessari per stampare scritte sul display del dispositivo, per cui per questa prima prova stiamo utilizzando lo standard output del programma.

Per chiudere l'applicazione, cliccate sulla X della finestra contenente il telefonino o sul... 'pulsante di spegnimento' di questo particolare telefono cellulare.

 

Abbiamo parlato della COMPILAZIONE del progetto, che rende possibile la sua esecuzione mediante l'emulatore del WTK, ma non della sua DISTRIBUZIONE: dobbiamo generare il file JAR e JAD per poterlo distribuire ed eseguire su cellulare.

Dalla barra del menù, selezioniamo Project --> Package --> Create Package.

Al termine dell'operazione (sul WTK apparirà la scritta "Build Complete"), nella cartella "bin" del progetto verranno depositati i file JAD, JAR e MANIFEST. Avete tutto l'occorrente per testare, previo trasferimento (mediante Bluetooth, infrarossi o altro), il progetto sul vostro dispositivo portatile :-)

Sotto la voce "Create Package", in "Package", non vi sarà sfuggita la voce "Create Obfuscated Package": se sul vostro computer è installato un offuscatore (es.: Proguard), potrete generare i file da distribuire con tale strumento, al fine di rendere illegibile il codice e ridurre le dimensioni dei file da distribuire.

 

A partire dalla prossima puntata, prenderemo in rassegna le classi e i metodi necessari per generare interfacce grafiche di alto e basso livello, gestire dati multimediali, la persistenza dei dati, le connessioni con la rete ed altro ancora !

 

 
Vai all'inizio della pagina