NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Capitolo 32: Scope, con un piccolo intruso.

 

Come detto precedentemente, lo Scope indica l'influenza di un nodo sugli altri ma, a differenza dei bound, tale influenza è determinata da un raggruppamento logico di elementi Group, non da una 'posizione fisica', presa in considerazione dai bounds.

Scope e Bound non sono, comunque, mutuamente esclusivi.

 

 

Sia ad esempio 'light1' una fonte luminosa; potremo scrivere allora:

  • light1.addScope(Group g);

per impostare, come gruppo di elementi che verranno illuminati da 'light1' (purchè si trovino, comunque, nella sua bounding region di influenza), 'g'.

 

 

 

L'immagine seguente, tratta da uno dei capitoli della sezione dedicata alle luci, serve a chiarire con un esempio visivo come certi oggetti, pur trovandosi nella bounding region di influenza di una fonte luminosa, possano non subirne gli effetti, a differenza di altri.

 

 

 

Java 3D Point Light Scope

 

L'esclusione di alcune sfere avviene 'logicamente', a livello di Scene Graph.

 

Codice sorgente e Scene Graph di questo piccolo intruso verranno mostrati nella sezione dedicata alle luci.

 

 
Vai all'inizio della pagina