Salve a tutti!

In questo videotutorial vedremo una panoramica degli strumenti che ci consentono di navigare nella scena di Blender 3D, per cambiare il punto di vista all'interno dell'universo virtuale. A parte un paio di eccezioni, in questo tutorial NON vedremo come selezionare, spostare e trasformare gli oggetti nella scena 3D: ce ne occuperemo in un altro tutorial.

Questo è un videotutorial di base, realizzato con la versione 2.8 del programma, rivolto a chi è alle primissime armi con Blender o a chi, come il sottoscritto, arriva dalle versioni precedenti, che presentavano un'interfaccia molto diversa.

 Bene, fatte queste premesse, iniziamo!

All'avvio di un nuovo progetto di Blender 3D 2.8, con l'interfaccia (o “layout”) di fabbrica, troviamo un grande editor “3D Viewport” al centro della scena e, al suo interno, tre oggetti, elencati nell'editor Outliner in alto a destra: una telecamera virtuale, una fonte di luce e un cubo, che utilizzeremo in questo tutorial come riferimento per cambiare il punto di vista e navigare nello spazio 3D.

La 3D Viewport è quindi la nostra finestra sull'universo virtuale 3D, il nostro punto di osservazione all'interno della scena.

20190910 B3D 28 001 Navigare nella 3D Viewport 001


LA GRIGLIA E IL SISTEMA DI RIFERIMENTO

Prima di spostarci nello spazio dobbiamo capire bene cosa è “sopra”, cosa è “sotto”, cosa è “destra”, eccetera. Il centro dell'universo virtuale è detto “Origin” e da lì partono tre assi: un'estensione 3D di quello che, nelle due dimensioni, è il piano cartesiano XY. In Blender, in particolare, abbiamo che il piano orizzontale è dato dagli assi X e Y, mentre l'asse verticale (perpendicolare al piano XY) è l'asse delle Z.

La griglia che vediamo inquadrata all'avvio di Blender identifica il piano XY.

L'asse X è quello orizzontale, per cui ci consentirà di identificare “destra” (“Right”) e “sinistra” (“Left”), intesi quindi rispetto all'Origin, il centro dell'universo virtuale; allo stesso modo, l'asse Y ci consentirà di individuare un “avanti” (“Front”) e un “dietro” (“back”), mentre l'asse verticale, quello Z, ci consentirà di individuare un “sopra” (“Top”) e un “sotto” (“Bottom”).

In alto a destra nella 3D Viewport troviamo una grande icona che mostra proprio gli assi del sistema di riferimento e che impareremo ad utilizzare nel corso di questo tutorial.


 SPOSTAMENTI LIBERI

 Vediamo quindi come spostare il punto di osservazione all'interno della scena 3D, iniziando con degli spostamenti liberi.

Con la nuova versione 2.8, Blender ci fornisce – in basso nella finestra principale del programma – alcuni suggerimenti per i tasti del mouse da utilizzare, a seconda di dove si trova il cursore; ad esempio, spostando il mouse su un editor Properties, con il tasto sinistro avremo ovviamente la selezione, con il tasto centrale avremo il Panning, ovvero la traslazione della finestra, mentre con il tasto destro del mouse avremo l'apertura del menù relativo a quel Contesto, se un tale menù è disponibile per l'area dove viene effettuato il click.

20190910 B3D 28 001 Navigare nella 3D Viewport 002

Spostando il cursore del mouse sulla 3D Viewport, i suggerimenti cambiano; in particolare, abbiamo:

  •  con il tasto sinistro, la selezione di un oggetto;
  •  con il tasto sinistro e trascinamento, la definizione di un'area rettangolare di selezione (“Box Select”);
  •  con il tasto centrale del mouse, la rotazione della vista: in pratica, uno spostamento effettuato mantenendo il centro della 3D Viewport (nel quale abbiamo il cubo, in questo caso) al centro dell'inquadratura;
  •  con il tasto destro del mouse, l'apertura del menù contestuale: tra pochissimo vedremo cosa vuol dire.

20190910 B3D 28 001 Navigare nella 3D Viewport 003

Il mouse ci consente, quindi, di ruotare la vista, con il tasto centrale (che, a proposito, vedremo presto come emulare, nel caso non disponessimo di un mouse a tre tasti); per sistemare il punto di vista nella scena mancano però due strumenti, all'appello: lo zoom e il panning (ovvero la traslazione della vista).

Per zoomare nella vista 3D potete utilizzare la rotellina del mouse, se presente, oppure utilizzare la combinazione CTRL e tasto centrale del mouse o, ancora, cliccare sull'icona della lente di ingrandimento posta in alto a destra nella 3D Viewport e trascinare il mouse verso l'alto o verso il basso, mentre tenete premuto il tasto sinistro del mouse, per zoomare avanti o indietro.

Per effettuare il Panning della vista, infine, potete utilizzare la combinazione SHIFT e tasto centrale del mouse, oppure cliccare sull'icona della mano, in alto a destra nella 3D Viewport (accanto alla lente di ingrandimento) e spostare il mouse mentre tenete premuto il tasto sinistro sull'icona.


 IL MENU' CONTESTUALE (TASTO DESTRO)

Effettuerò adesso un paio di selezioni degli oggetti della scena per mostrarvi un esempio pratico dell'utilizzo del menù contestuale.

Con il click del tasto sinistro del mouse sto selezionando il cubo al centro della scena; adesso, premendo il tasto destro del mouse si aprirà un menù nel quale troveremo alcune funzioni proprie del tipo di oggetto selezionato: ad esempio, per il cubo, abbiamo “Shade Smooth” e “Shade Flat”, in alto, che fanno riferimento a due modalità di ombreggiatura degli oggetti 3D.

20190910 B3D 28 001 Navigare nella 3D Viewport 004

Con un click del tasto sinistro (sull'icona dell'oggetto nella 3D Viewport o sul suo nome nell'Outliner, fa lo stesso) sto selezionando, adesso, la fonte di luce Light, quindi apro il relativo menù contestuale con il tasto destro: questa volta, in alto nel menù che apparirà, troveremo strumenti tipici delle fonti di luce, come “Energy” o “Radius”. In generale, quindi, potete recuperare gli strumenti propri di un elemento selezionandolo e premendo il tasto destro del mouse.

20190910 B3D 28 001 Navigare nella 3D Viewport 005


EMULARE IL MOUSE A TRE TASTI E IL TASTIERINO NUMERICO

Ho parlato già un paio di volte di tasto centrale del mouse: in effetti, per lavorare in Blender 3D l'ideale sarebbe avere a disposizione un mouse a tre tasti (o comunque un mouse con la rotellina cliccabile, che farà quindi da tasto centrale); comunque, come accennato nel tutorial sugli elementi di interfaccia di Blender 2.8, è possibile emulare la presenza del tasto centrale del mouse in questo modo:

  1.  dal menù Edit, cliccare su Preferences;
  2.  nella nuova finestra che apparirà a video, aprire la scheda Input;
  3.  qui, cliccare su “Emulate 3 Button Mouse” per attivare l'emulazione; lasciando il cursore del mouse sull'etichetta della casella, apparirà un tooltip che ci informerà sulla modalità di emulazione: il tasto centrale verrà implementato quando premeremo il tasto ALT e il tasto sinistro del mouse.

20190910 B3D 28 001 Navigare nella 3D Viewport 006

In questa stessa scheda troviamo anche un altro strumento di emulazione che si rivela particolarmente utile se si è sprovvisti di tastierino numerico, come accade spesso nei portatili: “Emulate Numpad”. Attivando questa opzione, i tasti da 1 a 0 posti sopra le lettere, nella tastiera, verranno considerati da Blender come tasti del tastierino numerico.

I tasti del tastierino numerico servono, in particolare, da shortcut per alcune viste predefinite della 3D Viewport, come vedremo tra pochi secondi.

Per ritrovare queste impostazioni anche ai prossimi avvii di Blender, cliccare su “Save Preferences”, in basso a sinistra, se “Auto Save Preferences” non è selezionato, quindi chiudere questa finestra.

20190910 B3D 28 001 Navigare nella 3D Viewport 007

  


MODALITA' PERSP / ORTHO E VISTE DI BASE

Blender fornisce alcuni shortcut per inquadrare la scena da punti di vista “standard” come sopra, sotto, destra, sinistra, avanti e dietro; in particolare, nell'angolo in alto a destra della 3D Viewport troviamo una grossa icona con frecce e cerchi colorati, alcuni dei quali provvisti di lettere che identificano gli assi del sistema di riferimento della scena.

20190910 B3D 28 001 Navigare nella 3D Viewport 008

Cliccando su tali cerchi potremo cambiare al volo l'inquadratura, impostandola in particolare in punti di vista specifici, che troveremo nominati nell'angolo in alto a sinistra della 3D Viewport; cliccando sul cerchietto con la X (che identifica l'asse destra-sinistra), ad esempio, ci troveremo in Right Orthographic, perché il cerchietto della X è la parte “positiva” dell'asse delle X che guarda verso il centro della scena (quindi, appunto, “da destra”, “Right”).

20190910 B3D 28 001 Navigare nella 3D Viewport 009

Cliccando sul cerchietto blu, ma senza lettera (opposto al cerchietto con la Z), ci troveremo invece in Bottom Ortographic, perché l'asse Z, blu, è quello verticale e il cerchietto blu senza lettera identifica la parte “negativa” dell'asse che guarda verso il centro della scena (ossia “da sotto”, “Bottom”, appunto)...

… ma non è tutto: notiamo che, cliccando su tali strumenti, cambia anche la modalità di rappresentazione della scena, che diventa “Orthographic”, come descritto in alto a sinistra nella 3D Viewport. La modalità Orthographic (o “Ortho”) è priva degli effetti di prospettiva della vista libera e, in combinazione con i punti di osservazione standard (Top, Bottom, Right, Left, Front, Back) si rivela utilissima per posizionare con precisione gli oggetti nella scena 3D.

Per tornare ad una vista libera, che è detta User Perspective, fate semplicemente click e trascinamento col tasto centrale del mouse in un qualunque punto della scena: la rotazione libera vi sgancerà infatti dal punto di vista corrente. Potete ruotare la vista anche cliccando e trascinando nell'area del selettore XYZ, in alto a destra nella 3D Viewport.

Potete passare alla modalità Orthographic anche in una vista libera e potete passare ad una vista Perspective anche in una delle viste standard: è sufficiente cliccare sull'icona della griglia, in alto a destra nella 3D Viewport.

Per tutti i punti di vista standard e per passare dalla modalità Ortographic a Perspective e viceversa, esistono degli shortcut del tastierino numeric; personalmente, preferisco cliccare al volo sui cerchietti dello strumento XYZ in alto a destra nella 3D Viewport, quando voglio utilizzare un punto di vista “standard” in modalità Ortographic; comunque, esistono anche delle voci di menù, in particolare nel menù View – Viewpoint della 3D Viewport, che elencano anche gli shortcut del tastierino numerico per le varie viste “standard”.

Fate un po' di pratica con le varie combinazioni: cambiate modalità di rappresentazione tra Orthographic e Perspective, cliccate sulle viste standard, utilizzate i tasti del tastierino numerico, eccetera; mentre lo fate, date un'occhiata all'etichetta in alto a sinistra nella 3D Viewport, che vi dirà in ogni momento qual è la modalità corrente (User Perspective, Right Ortho, eccetera); tenete d'occhio anche il selettore XYZ in alto a destra, perché vi farà capire in qualsiasi momento dov'è il sopra, dov'è il sotto e così via.


INQUADRARE AL VOLO L'OGGETTO SELEZIONATO

Prima di chiudere questo tutorial introduttivo, vi mostro come spostare velocemente il punto di osservazione in modo da mettere l'oggetto selezionato al centro della 3D Viewport (operazione utilissima per ruotare senza problemi la 3D Viewport intorno all'oggetto che ci interessa).

Selezionate l'oggetto che vi interessa con un click del tasto sinistro del mouse (nella 3D Viewport, sull'icona dell'oggetto, o nell'Outliner, scegliendolo dall'elenco) e, mentre il cursore del mouse si trova in una 3D Viewport, premete il tasto “punto” del tastierino numerico.

L'inquadratura si sposterà sull'oggetto selezionato, per cui ora potrete ruotare facilmente intorno all'oggetto, per esaminarlo da varie angolazioni.


RICAPITOLANDO...

Ricapitolando: l'universo virtuale ha un centro (o “Origin”) e utilizza, come riferimento, un piano orizzontale (assi X e Y) e un asse verticale (Z).

Si sposta il punto di vista di osservazione nella scena 3D mediante il tasto centrale del mouse (o rotellina cliccabile) e le sue combinazioni con CTRL e SHIFT, effettuando tre operazioni di base: rotazione, panning e zoom.

Il tasto centrale del mouse può essere emulato tramite ALT e tasto sinistro, impostando “Emulate 3 Button Mouse” in Preferences.

Blender fornisce delle viste standard per inquadrare la scena da sopra, sotto, destra, sinistra, avanti e dietro, sia in modalità prospettiva che ortogonale; potete passare a queste viste cliccando sullo strumento del sistema di riferimento, nell'angolo in alto a destra della 3D Viewport, oppure mediante alcuni shortcut del tastierino numerico o, ancora, con alcune voci del menù View – Viewpoint della 3D Viewport.

20190910 B3D 28 001 Navigare nella 3D Viewport 010

Con il tasto “.” del tastierino numerico potete spostare velocemente l'inquadratura della 3D Viewport sull'oggetto selezionato.

Se siete alle primissime armi con Blender 3D, fate un po' di pratica con questi strumenti per spostarvi in maniera libera nell'universo virtuale, cambiando punto di vista all'interno della scena.

Bene, per questo breve tutorial introduttivo sui principali strumenti di navigazione nella 3D Viewport di Blender 3D 2.8, è tutto! Vi invito a esprimere dubbi, domande o richieste nei commenti al video, su Youtube; a presto!